Le Sibille

Le Sibille sono carte da divinazione, sono conosciute come carte chiacchierine o carte della conversazione, hanno raffigurazioni di persone, animali, oggetti e mitologie, l’immagine spesso suggerisce aspetti importanti in una lettura, come per esempio il colore dei capelli di un uomo o di una donna, la fascia di età, ecc, suddividendosi in 4 semi: cuori, quadri, fiori, picche.

Sotto ad ogni carta vi é in oltre una descrizione del loro significato, utile per capire meglio ciò che ci vuole dire la carta.
Le lame sono 52, anche se c’è un mazzo composto solamente da 36 carte, le famose Lenormand, fu lei a diffondere le Sibille che ad oggi tutti conosciamo.

Madame Lenormand, una giovane sensitiva e cartomante francese, creò questo mazzo usando delle classiche carte da gioco, (precisamente da picchetto) arricchendole con disegni e simboli, iniziando così un’arte ‘illegale’ per il 1790, facendola finire in carcere per un breve periodo perché aveva predetto la morte di Luigi XVI.

Dopo il suo rilascio aprí uno studio di cartomanzia dove effettuava letture a qualsiasi francese in grado di pagare, segretamente anche gli aristocratici si servivano di lei per sapere cosa gli riservava il futuro, economico, amoroso, ecc.

Nel 1843 Marie Anne Adelaide Lenormand morí, lasciando una cospicua eredità, da quel giorno molte case editrici iniziarono a creare molti mazzi di Sibille, cambiando immagini e arricchendole con altre 16 carte, riproducendo tutte quelle giovani donne vergini che predissero il futuro in modo importante, come l’avvento di Gesù.

Nei giorni odierni le Sibille vengono utilizzate in cartomanzia in ogni ambito: lavoro, fortuna, amore ecc, si leggono non solo al dritto ma anche al rovescio, quando escono al rovescio evidenziano difficoltà, stati d’animo particolarmente tristi, depressione profonda, ecc, diventano l’esatto opposto del loro significato ‘positivo’ , dipendendo sia in un verso che nell’altro le une dalle altre all’interno della lettura.